Prendersi cura del sorriso dei bambini, 5 cose da evitare

A che età bisogna iniziare a prendersi cura dell’igiene orale del bambino? 

In realtà fin dall’allattamento l’igiene della bocca del bambino è importante. Per l’uso del dentifricio sui dentini si aspetta che il bambino abbia almeno 18 mesi. Ma quello che conta davvero è che sin da piccolo il bambino si prenda cura del suo sorriso. Quindi, ecco le 5 cose che un genitore deve evitare per prendersi cura dei denti dei bambini.

 

1. Uso prolungato di biberon e ciuccio

Si consiglia di utilizzare ciuccio e biberon massimo fino ai 24-36 mesi. L’uso prolungato potrebbe portare a un’alterazione dello sviluppo del palato e delle arcate dentarie, potendo essere così causa di una deglutizione disfunzionale. Stessa cosa vale per l’abitudine di tenere il dito in bocca: in tutti questi casi la posizione in cui viene tenuta la lingua mette a repentaglio la crescita corretta dei denti.

 

2. Elevato consumo di caramelle

Le caramelle gommose tendono a rimanere attaccate ai denti risultando poi difficili da lavare via. Quelle dure vengono consumate lentamente, esponendo i denti allo zucchero per un tempo prolungato. Inoltre alcune caramelle possono far aumentare il ph all’interno della bocca a causa degli alti livelli di acidità. Questo può compromettere lo smalto dentale fino a consumarlo in modo definitivo, esponendo i denti a sensibilità e carie. Una raccomandazione: se il bambino mangia una caramella i dentini vanno lavati dopo mezz’ora, non subito.

 

3. Abituarlo a bere bevande zuccherate

Quando i bimbi sono piccoli si tende a dar spesso loro il succo di frutta, anche nel biberon. Anche se il succo di frutta è una bevanda, è comunque zuccherata, quindi gli zuccheri permangono dentro la bocca. Non dimentichiamo che lo zucchero è pericoloso per la salute dentale anche quando è a contatto di lingua e mascelle, la cui pulizia non deve essere trascurata. Al contrario, è opportuno abituare il bambino a bere molta acqua: l’acqua infatti aiuta a lavare via dalla bocca i batteri e i residui di zucchero lasciati da dolci e bevande zuccherate.

 

4. Non abituarlo all’uso corretto dello spazzolino

Fin da piccolo il bambino deve prendere l’uso dello spazzolino come una vera e propria abitudine da praticare almeno 2 volte al giorno, dopo i pasti principaliMa non solo: è importante anche insegnare al bambino come maneggiare correttamente lo spazzolino. Consideriamo che il bambino non avrà l’abilità di maneggiare lo spazzolino correttamente fino almeno ai sei anni, quindi è importante che un adulto sia presente quando si lava i denti. Se vuole farlo da solo è bene lasciare che provi, ma poi laviamo di nuovo i suoi dentini in modo più accurato, soprattutto la sera. 

 

5. Aspettare a portarlo dal dentista

Se non ci sono problematiche evidenti la prima visita dal dentista andrebbe fatta intorno ai 3-4 anni di età del bambinoMolti genitori pensano che, essendo i denti da latte destinati a cadere, prendersene cura non sia così importante, e che si debba andare dal dentista solo se sorgono problemi quali carie o altre complicazioni legate alla masticazione. In realtà il corretto sviluppo e la cura dei denti da latte è un aspetto importante per la salute orale del bambino. 

 

Studio Facondo, specializzato in pedodonzia

Lo studio dentistico Facondo ha un’equipe specializzata in pedodonzia, il settore dell’odontoiatria che si occupa della cura dei denti dei bambini. Sappiamo quanto un bimbo può avere paura ed essere diffidente all’inizio. Per questo accogliamo i più piccoli in un ambiente giocoso e accogliente, trasformando l’appuntamento dal dentista in un’occasione di gioco e di svago

Contattaci per fissare la visita di controllo del tuo bambino presso il nostro studio.