Fluoro dentale: come agisce e perché è importante

Quante volte da bambino i genitori o il tuo dentista di fiducia ti hanno parlato del fluoro dentale presentandolo come il supereroe che protegge i denti? Un amico fidato la cui immagine è stata rinforzata dai tanti réclame pubblicitari in voga 15 – 20 anni fa e dai gel che l’odontoiatra distribuiva sui denti al termine della seduta di igiene. 

Oggi si tende a parlare poco di fluoro dentale, eppure la sua presenza è più importante che mai. Vediamo perché.

A cosa serve il fluoro? 

Il fluoro è uno dei più preziosi alleati per la salute dei denti. Minerale assorbito dall’organismo tramite l’alimentazione, concorre alla creazione di uno smalto protettivo naturale e resistente agli acidi aiutando così a prevenire la formazione di carie dentali e altre pericolose infezioni.  Entrando un po’ più nel tecnico, possiamo dire che la presenza di fluoro all’interno del nostro corpo e nella salivazione favorisce la remineralizzazione dei cristalli e rallenta il processo di distruzione dello smalto

Il fluoro agisce in una doppia direzione: sia sui batteri della placca impedendo la produzione degli acidi responsabili dei processi di demineralizzazione, sia sulla componente minerale dei denti rinforzando lo strato superficiale. Quest’ultima azione riguarda soprattutto i denti di neonati e bambini e porta a una sostituzione dei cristalli dello smalto con altre tipologie di cristalli contenenti fluoro che meglio resistono al pericolo carie.

Come agisce il fluoro? Differenza tra topico e sistemico 

Ma come agisce il fluoro? Come apportarlo nel nostro organismo? La somministrazione di fluoro avviene per due vie: topica o sistemica.

Nella fluoroprofilassi sistemica il fluoro agisce sui denti in sviluppo ed è perciò fondamentale che l’assunzione sia costante dalla gestazione fino alla preadolescenza. Il fluoro viene apportato tramite assunzione di alimenti contenenti il minerale, acqua, integratori prescritti dal pedodonzista o dal pediatra. 

La fluoroprofilassi topica riguarda invece persone di qualsiasi età per le quali si rende necessaria una remineralizzazione dello smalto o il blocco della carica batterica. In questo caso il fluoro viene applicato tramite dentifrici, colluttori o trattamenti eseguiti dall’odontoiatra.

In ogni caso invitiamo caldamente a stare attenti con l’assunzione fai da te di fluoro: ingenti quantitativi o eccessive concentrazioni di fluoro possono avere effetti controproducenti.

Ci auguriamo di averti trasmesso l’importanza del fluoro per il benessere del nostro cavo orale. Lo staff di Studio Dentistico Facondo è a tua disposizione per qualsiasi dubbio.